COMUNICATO STAMPA.

 

ENERGIA IN GIOCO: IL TERZO PREMIO NAZIONALE DEL CONCORSO ENEL AGGIUDICATO DAL LICEO ARTISTICO DI TERAMO.

 

Nell’anno scolastico 2003/2004 il Liceo Artistico Statale di Teramo ha partecipato al concorso nazionale «Energia in gioco» indetto dall’Enel. Il concorso era rivolto alle scuole elementari, medie e superiori divise per categorie con lo scopo di approfondire i temi dell’energia, dalla produzione alle nostre case, con particolare attenzione alla compatibilità ambientale, agli aspetti economici e alla consapevolezza dei consumi. “Al concorso hanno partecipato 3.500 scuole e 165.000 studenti hanno aderito al progetto - afferma l’Enel nella comunicazione ufficiale inviata al Liceo - 1.500 classi per un totale di 35.000 alunni hanno partecipato al concorso mettendo alla prova le proprie capacità progettuali per valorizzare la centrale per la produzione dell’energia elettrica del loro territorio. I 600 progetti hanno spaziato dalle attività culturali nell’impianto della centrale alle soluzioni innovative per valorizzare le caratteristiche paesaggistiche e ambientali del territorio attiguo alle centrali.

Tra queste la classe II A del Liceo Artistico di Teramo -  la motivazione testuale della  commissione giudicatrice - che con il progetto “L’Ambiente ringrazia” ha raccolto una serie di testimonianze sull’energia e sulla centrale di San Giacomo.  

 

Il premio consiste in un lettore Cd per ciascun allievo partecipante e un’enciclopedia per il gruppo di docenti responsabili. La cerimonia di premiazione avverrà nella Sala Consiliare della Provincia di Teramo (Via Giannina Milli, 2) il giorno 17 febbraio, alle ore 11:00.

 

Ecco l’iter seguito dal Liceo Artistico. La classe 2° A, dopo aver acquisito le nozioni teoriche sull’energia e sulle modalità della sua produzione con lezioni tenute dai docenti di Fisica prof. Lucio De Marcellis, di Scienze prof.ssa Lea Di Eusebio, dall’ing. Mazza dell’Enel e dopo aver effettuato una visita alla centrale idroelettrica di San Giacomo, ha eseguito i test proposti dall’Enel meritando il punteggio di 100/100.

Nella seconda fase del concorso, con la guida dei suddetti docenti e dei proff. Rita Cerino e Adriano Menei, la classe ha anche proposto un progetto per la valorizzazione della centrale di San Giacomo con l’integrazione di una serie di itinerari visitabili per conoscere il percorso dell’acqua e il suo rapporto con la produzione dell’energia idroelettrica. La centrale Enel di S. Giacomo è situata all’interno del Parco Nazionale “Gran Sasso-Monti della Laga”, lungo la Strada provinciale (ex Statale 80) che collega Teramo a L’Aquila. Questa strada è già stata individuata strategicamente dall’Ente Parco come “Strada maestra del Parco”; si tratta di un percorso di 70 Km da Montorio al Vomano (Te) ad Amiternum (Aq) destinato a svolgere una funzione turistica e di valorizzazione del territorio con la ristrutturazione di alcune case cantoniere dismesse e con il loro utilizzo come punti informativi, punti vendita e luoghi di foresteria. Sono previste anche aree di sosta attrezzate e segnaletiche specifiche che indichino le emergenze storiche, architettoniche e ambientali.    

Ad integrazione di questo interessante progetto del Parco, il Liceo Artistico di Teramo ha proposto l’inserimento della centrale di S. Giacomo tra le emergenze da valorizzare a scopo turistico e didattico lungo l’itinerario della Strada maestra. La palazzina localizzata nell’area della centrale, attualmente non utilizzata, potrebbe essere adibita all’accoglienza di soggetti diversamente abili. A tale scopo possono essere previste ristrutturazioni che mirino alla rimozione di barriere architettoniche. La centrale, inserita nell’area Parco e con il recente riconoscimento della certificazione ambientale, ha le caratteristiche per svolgere la funzione di centro divulgativo sul tema dell’energia pulita. Inoltre può essere utilizzata come polo informativo sugli itinerari proposti e legati al tema dell’acqua, dell’energia e dell’ambiente. Oltre alla valorizzazione della centrale di San Giacomo, il progetto del Liceo Artistico ha previsto anche la  sistemazione di un percorso “Acqua ed Energia” lungo il fiume Vomano, ponendo l’attenzione sulle caratteristiche turistiche e didattiche di tre itinerari.

Il primo itinerario va DA MONTORIO ALLA CENTRALE DI SAN GIACOMO, risalendo il corso del fiume Vomano. Il percorso inedito costeggerebbe la sponda sinistra idrografica del fiume Vomano permettendo al visitatore di apprezzare la qualità ambientale del territorio a valle della centrale e di poter ammirare il patrimonio naturalistico (la selvaggia valle del Vomano con gli interessanti affioramenti geologici sedimentari) e storico (il Tempio di Ercole e le particolarissime abitazioni rurali incastonate nella roccia). Per la fruizione dell’itinerario si rendono necessari il recupero e la sistemazione dell’antico tracciato della Via Cecilia (un ramo della Salaria)  che da Montorio risaliva la valle del Vomano.  

 

 

Il secondo itinerario proposto è localizzato nella VALLE DEL CHIARINO. Un percorso alla portata di tutti che consente di poter ammirare una faggeta mista che ospita diverse specie animali autoctone. L’inizio del percorso dà modo al visitatore di attraversare la diga ad arco di Provvidenza e di ammirare l’opera ingegneristica legata alla produzione di energia idroelettrica.

Il 3° itinerario si riferisce ad un’AREA ATTREZZATA ENEL-LAGO DI CAMPOTOSTO.

In prossimità del Lago di Campotosto si possono effettuare vari tipi di escursioni: a piedi lungo le sponde del lago, in bicicletta o in macchina. Nel progetto del Liceo Artistico è stata prevista la sistemazione della sponda del lago, in prossimità dell’abitato di Campotosto in direzione Poggio Cancelli, per una fruizione turistica estiva a piedi o in mountain bike ma anche invernale per mezzo degli sci di fondo. Tra le attrezzature a corredo del percorso sono annoverabili i pannelli descrittivi del lago e della sua storia (prima della realizzazione del lago esisteva una grande cava di torba) nonché degli aspetti naturalistici e ambientali, un’area picnic, un centro ristoro (con griglie elettriche messe a disposizione dell’Enel). Il percorso ciclistico stradale può prevedere tre possibili chilometraggi ad anello lungo la comoda strada che costeggia il lago: percorso breve (15 Km) dal ponte delle stecche verso l’abitato di Mascioni e ritorno al punto di partenza; percorso medio (25 Km) dall’abitato di Campotosto verso Poggio Cancelli, ponte delle Stecche e ritorno al punto di partenza; percorso lungo (40 Km) costeggia l’intero perimetro del lago.

Nell’area attrezzata, l’azienda Enel potrebbe mettere a disposizione dei visitatori bici elettriche, non inquinanti e con grandi potenzialità di diventare mezzi utilizzati più diffusamente delle attuali biciclette tradizionali nei territori e nei quartieri cittadini con strade a sensibile pendenza.   

 

 <<<